L’ANNO DANTESCO PROSEGUE CON IL RACCONTO DI DANTE E SAN FRANCESCO CURATO DAL PROF. FORCELLINI E MUSICATO DAGLI EURITMIA

Condividi

Grande successo della serata di venerdì 25 giugno al Teatro Titano in occasione del terzo appuntamento dell’Anno Dantesco Sammarinese. Il professor Teodoro Forcellini, autore della monografia “Fonti teologiche francescane della Commedia di Dante” (Spoleto, 2018), ha indagato, tramite una puntuale e approfondita analisi di fonti medievali, le ragioni e il senso dello stupore di fronte al creato in san Francesco e Dante Alighieri.

Come suggerito dal titolo dell’incontro, “Piccolo manuale di ecologia medievale”, la conferenza, traendo spunto dal “Cantico di frate sole” e dai versi di “Paradiso” XXX, ha attualizzato i versi del santo di Assisi e del Sommo Poeta in chiave “ecologista”. Senza attuare forzature, ma esplicitando la lontananza fra la forma mentis attuale e quella del Basso Medioevo, Forcellini ha suggerito una lettura contemporanea dei concetti filosofici, teologici e mistici francescani e danteschi, che, nel 2021, a 700 anni dalla morte dell’Alighieri, hanno ancora tanto da dire all’uomo contemporaneo, specie alla luce dell’imminente crisi climatica e degli obiettivi fissati dall’Agenda 2030.

I testi analizzati sono stati messi in dialogo con le parole e le musiche, altrettanto dense di significato e suggestioni, dell’album “Apriti Sesamo”, opera del cantautore siciliano Franco Battiato, scomparso di recente. Per l’occasioni le canzoni sono state proposte al pubblico dal noto gruppo musicale rock “Euritmia”, con Leonardo Bollini alla voce e al basso, Francesco Casali alla chitarra, Enzo Girometti alla batteria e Ben Forcellini alle tastiere.

Calorosi gli applausi al professor Forcellini ed agli Euritmia da parte dei numerosi spettatori.

Il prossimo appuntamento dell’Anno Dantesco è previsto per venerdì 16 luglio, nella suggestiva cornice della Cava dei Balestrieri, dove la poetessa riminese Isabella Leardini, autrice del fortunato “Domare il drago. Laboratorio di poesia per dare forma alle emozioni nascoste” (Mondadori 2018), parlerà dell’ispirazione poetica in Dante, dalla “Vita nuova” a “Paradiso” XXXIII.